Condividi:

facebook twitter linkedin google email

Modalità

Ai sensi dell'art. 4 della L.R. n. 31/2002, delle ultime disposizioni di cui all' art. 5 del D.L. n. 40/2010 convertito nella L. n. 73/2010 (che ha modificato l'art. 6 del DPR 380/2001), Circolare Regionale del 02/08/2010 “Indicazioni applicative in merito all'art. 6 del DPR 380/2001 relativo all'attività edilizia libera”, nonché dell' art. 10 delle vigenti Norme Tecniche di Attuazione allegate al PRG comunale, rientrano tra l'attività edilizia libera e quindi eseguibili senza alcun titolo abilitativo, gli interventi di seguito elencati secondo le procedure sotto specificate, fatto salvo il rispetto delle altre normative di settore aventi incidenza sulla disciplina dell'attività edilizia (norme antisismiche, di sicurezza, antincendio, igienico – sanitarie, relative all'efficienza energetica nonché di quelle contenute nel codice dei beni culturali e del paesaggio di cui al D. Lgs. 42/2004, ecc…).

A) Possono essere eseguiti liberamente (l'interessato non deve fare alcuna comunicazione):

- gli interventi di manutenzione ordinaria (vedi l'estratto dell'art. 10 vigenti NTA allegate al PRG comunale);
- gli interventi volti all'eliminazione delle barriere architettoniche che non comportino la realizzazione di rampe o di ascensori esterni, ovvero di manufatti che alterino la sagoma dell'edificio;
- le opere temporanee per attività di ricerca nel sottosuolo che abbiano carattere geognostico, ad esclusione di attività di ricerca di idrocarburi e che siano eseguite in aree esterne al centro edificato;
- i movimenti di terra strettamente pertinenti all'esercizio dell'attività agricola e le pratiche agro-silvo-pastorali, compresi gli interventi su impianti idraulici agrari;
- le serre mobili stagionali sprovviste di strutture in muratura, funzionali allo svolgimento dell'attività agricola.

B) Possono essere eseguiti, previa comunicazione dell'inizio dei lavori da parte dell'interessato all'amministrazione comunale (Modulo “B”):

- le opere dirette a soddisfare obiettive esigenze contingenti e temporanee e ad essere immediatamente rimosse al cessare della necessità, comunque, entro un termine non superiore a novanta giorni;
- le opere di pavimentazione e di finitura di spazi esterni, anche per aree di sosta, che siano contenute entro l'indice di permeabilità, ove stabilito dallo strumento urbanistico comunale, ivi compresa la realizzazione di intercapedini interamente interrate e non accessibili, vasche di raccolta delle acque, locali tombati;
- i pannelli solari, fotovoltaici e termici, senza serbatoio di accumulo esterno, a servizio degli edifici, da realizzare al di fuori della zona A di cui al decreto del Ministro per i lavori pubblici 2 aprile 1968, n. 1444;
- le aree ludiche senza fini di lucro e gli elementi di arredo delle aree pertinenziali degli edifici.

C) Possono essere eseguiti, previa comunicazione dell'inizio dei lavori da parte dell'interessato all'amministrazione comunale (Modulo “A”), completa dei dati identificativi dell'impresa alla quale si intende affidare la realizzazione dei lavori, corredata da una relazione tecnica provvista di data certa e corredata degli opportuni elaborati progettuali, a firma di un tecnico abilitato, il quale dichiari preliminarmente di non avere rapporti di dipendenza con l'impresa nè con il committente e che asseveri, sotto la propria responsabilità, che i lavori sono conformi agli strumenti urbanistici approvati e ai regolamenti edilizi vigenti e che per essi la normativa statale e regionale non prevede il rilascio di un titolo abilitativo:

- gli interventi di manutenzione straordinaria di cui all'art. 3, comma 1, lett. b) del DPR 380/2001, ivi compresa l'apertura di porte interne o lo spostamento di pareti interne, sempre che non riguardino le parti strutturali dell'edificio, non comportino aumento del numero delle unità immobiliari e non implichino incremento dei parametri urbanistici.

L'Ufficio SUE del Comune provvede alla verifica della completezza e regolarità formale della Comunicazione presentata e della documentazione ad essa allegata, nonché la corrispondenza tra l'intervento di cui si comunica la realizzazione e le tipologie di interventi edilizi liberalizzati. Nel caso di incompletezza o irregolarità formale della Comunicazione o della documentazione allegata, l'Ufficio SUE chiede le necessarie integrazioni.

Modalità di richiesta

L'istanza va richiesta utilizzando l'apposita modulistica e presentata al Comune di Castel Guelfo di Bologna - Ufficio Suap Ambiente, tramite:

• a mezzo posta indirizzata al Comune di Castel Guelfo di Bologna - Ufficio Ambiente, 40023, via A.Gramsci 10;
• presso l'Ufficio Protocollo dell'Ufficio Suap - Sue - Ambiente - del Comune di Castel Guelfo di Bologna;
• a mezzo PEC (posta elettronica certificata) all'indirizzo comune.castelguelfo@cert.provinica.bo.it In questo caso è ammessa ad una delle seguenti condizioni:
    - che la domanda sia sottoscritta con firma digitale
    - che l'autore sia identificato dal sistema informatico con l'uso della Carta d'Identità Elettronica, della Carta Nazionale dei Servizi o comunque con strumenti che consentano l'individuazione del soggetto che presenta la domanda
    - che la domanda sia trasmessa attraverso la casella di posta certificata del richiedente.

A chi rivolgersi

Istruttore Tecnico Nicola Cardinali

Telefono: 0542.603.254

Cellulare:

Fax:

E-mail: nicola.cardinali@comune.castelguelfo.bo.it

Profilo: Istruttore Tecnico

Funzioni: Edilizia

close
Istruttore Tecnico Emanuela Casari

Telefono: 0542.603.240

Cellulare:

Fax:

E-mail: emanuela.casari@comune.castelguelfo.bo.it

Profilo: Istruttore Tecnico

Funzioni: Edilizia

close

Requisiti

La Comunicazione di attività edilizia libera viene presentata dal proprietario dell'immobile o da chi ne abbia titolo allo sportello SUE, corredata da un'attestazione concernente il titolo di legittimazione.
La Comunicazione di attività edilizia libera è accompagnata altresì dal versamento dei diritti di segreteria secondo quanto indicato nella sezione “Costi a carico dell'utente”.

Cosa occorre

Occorre depositare la Comunicazione di attività edilizia libera utilizzando l'apposita modulistica, in un'unica copia, completa di tutti gli allegati indicati nel modulo, ed in particolare:

- per la Comunicazione di interventi di manutenzione straordinaria, di cui al precedente punto C, occorre compilare e depositare il Modello “A” completo degli allegati richiesti nello stesso, reperibile nell'apposita sezione;
- per la Comunicazione di interventi edilizi, di cui al precedente punto B, occorre compilare e depositare il Modello “B” completo degli allegati richiesti nello stesso, reperibile nell'apposita sezione.

Costi a carico dell'utente

I Diritti segreteria, da versare al momento del deposito della Comunicazione di attività edilizia libera, sono indicati nella Delibera di Giunta Comunale n. 19 del 03/03/2011.

Tale pagamento può effettuarsi mediante i seguenti mezzi di pagamento:

- bollettino postale su C/C n. 17337403 intestato a Comune di Castel Guelfo di Bologna – Servizio Tesoreria indicando la causale di pagamento (CIL immobile sito in Via _______ n. __);
- bonifico bancario intestato al Comune di Castel Guelfo di Bologna Tesoreria Comunale c/o Banca di Imola SpA, ABI  05080, CAB 21099, IBAN  IT 72 Y 05080 21099 T20990000015 indicando la causale di pagamento (CIL immobile sito in Via _______ n. __);
- servizio bancomat c/o Ufficio Segreteria del Comune di Castel Guelfo di Bologna attivo dal lunedì al sabato dalle 8.30 alle 13.00 indicando la causale di pagamento (CIL immobile sito in Via _______ n. __).

Scadenza, validità

Il termine per la conclusione dei lavori, entro il quale l'intervento deve essere completato, non può superare i tre (3) anni dalla data di deposito della Comunicazione di attività edilizia libera e  deve essere indicato nella modulistica.

Sanzioni

Ai sensi del comma 7 del nuovo art. 6 del DPR n. 380/2001, la mancata Comunicazione di attività edilizia libera ovvero la mancata trasmissione della relazione tecnica di cui ai commi 2 e 4 dello stesso articolo comportano la sanzione pecuniaria pari ad € 258,00.

Modulistica

Dal 5 gennaio 2015, per la presentazione di Permessi di Costruire, SCIA, CIL e Certificati di Conformità Edilizia ed Agibilità, è obbligatorio utilizzare la modulistica unificata approvata dalla Regione Emilia Romagna con DGR n. 993/2014 e Determinazione di aggiornamento n.16913/2014
http://www.nuovocircondarioimolese.it/uffici/.../sue-sportello-unico-edilizia

Normativa

SUE - Norme Tecniche Attuative
SUE - Nuovo Art.6 DPR 380-2001 Attività Edilizia Libera
SUE - Regolamento di igiene tutela della salute e ambiente

Modulistica

La modulistica è disponibile in due formati, entrambi gratuiti: PDF e RTF. Leggi le istruzioni per la compilazione e l'invio.
Anagrafica dell'Ente
Comune di Castel Guelfo di Bologna
Via Gramsci 10
40023 Castel Guelfo di Bologna
Tel. 0542/639211- Fax 0542/639222
Email: urp@comune.castelguelfo.bo.it
PEC: comune.castelguelfo@cert.provincia.bo.it
P.Iva: 00529031205 - C.F: 01021480379

Accessibilità
Questo sito, interamente gestito con il CMS i-Plug, è accessibile a tutti gli utenti poiché il codice che lo sostiene è compatibile con le direttive del W3C che definisce gli standard di sviluppo per il web: XHTML1.0 - Mobile friendly

Crediti
La redazione e la gestione di questo sito è a cura dell'URP del Comune di Castel Guelfo. Per inviare segnalazioni:
urp@comune.castelguelfo.bo.it
Pubblicato nel luglio 2012 - Upgrade luglio 2016
Sito realizzato da Punto Triplo

lock Area riservata